Elements e il sentiero dei ricordi


Lo confesso: ero uno di quei ragazzini sfigati che giocava a Magic. Erano gli anni novanta, ed oltre all'onanismo più sfrenato, facevo parte di quella categoria che gravitava attorno a qualsiasi cosa fosse nerd. Magic: The Gathering, per un bel po', fu la versione nerd del poker, un fenomeno sociale che portava ragazzini senza una lira come il sottoscritto ad entrare in assurdi circoli di compravendita di carte come nemmeno un broker di Wall Street.

Più di dieci anni dopo mi trovo nel gorgo di Elements, gioco in flash gratuito basato su un sistema molto simile a
Magic. Per chi non sapesse di cosa parlo: innanzitutto, perché leggete questo blog? Ad ogni modo, perdono la vostra ignoranza: si gioca in due, ognuno ha un mazzo di carte e a turno mette in gioco le carte, che rappresentano energia magica, creature da evocare, incantesimi, oggetti etc. etc. Vince chi ammazza prima l'avversario.

Di emuli di
Magic se ne trovano a bizzeffe, ma uno di questa qualità è difficile da eguagliare. Non solo Elements è gratuito, ben bilanciato, profondo e veloce da giocare, ma è anche uno di quei giochi che, come i migliori RPG online e non, rende benissimo anche sulla lunga distanza. C'è lo stesso piacere sottile che dava Magic nel creare il proprio mazzo di carte, gestire le proprie finanze per comprare nuove carte, rifinire la proporzione fra mana e incantesimi, e, in genere, gettare al vento grosse quantità di tempo.

Oggi sono meno sfigato di tredici anni fa. Anzi, sono un ben integrato membro della società, con tanto di lavoro e mutuo sulle spalle. Non compro più tanti fumetti come allora e non sono più un così grande appassionato di fantasy. Ciò non toglie che adesso devo forzarmi per non giocare a
Elements mentre sono in ufficio...

8 commenti:

seppia ha detto...

bella segnalazione, anche se non è immediao capire le regole.
stasera ci guardo ma non sembra malfatto, a parte sta cosa assurda che le creature attaccano sempre a testa bassa
bah
comunque devo capire un po' di cose, ma grazie per la segnalazione
ah, anche io ero uno dei segaioli seriali che si ammazzava di magic, con mazzo rosso verde a sciame + fulmini (la carta migliore di magic)

prof.folletto ha detto...

Non ho mai giocato seriamente a Magic, ma questo gioco mi attira assai :D
Ferruccio, qual è il tuo nick su questo gioco? Così magari qualche volta ti sfido.

ferruccio ha detto...

Il mio nick è "ferruccio" :)

JacoPOP ha detto...

Bellissimo, dopo aver letto questo articoletto sono incappato per caso nel gioco e mi son detto: "se ferruccio dice che è bello, sarà bello per forza, ferruccio è il mio guru spirituale".
Provato, innamorato.

Mooolto semplice rispetto a magic, all'inizio sembra davvero mediocre, poi si capisce come sistemare il mazzo, renderlo più veloce.. e diventa una droga.

Grazie!

ferruccio ha detto...

Eh... lo so, trasudo saggezza da tutti i pori.

seppia ha detto...

mmmh ci ho giocato un po' e devo dire che se inizialmente interessante poi diventa pallosissimo, perchè è davvero poco equilibrato.
in pratica ci sono delle carte che sono decisamente troppo efficaci, lo scudo rosa (usa un mana e previeni tre danni), la combo "bone shield+ creature velenose+ boneyard + qualunque cosa generi creaturine".
oppure quelli odiosi che hanno i mazzi con creature intargettabili + dimensional shield

nono, sto gioco perde di interesse in fretta

ferruccio ha detto...

Ma no. Ci sono i mezzi per combattere ad armi pari quelle carte "troppo potenti". Via di Rain of Fire e le creaturine si fottono. Destruction incula scudi e boneyard. Le creature intargettabili... no, quelle rompono le palle senza appello.

seppia ha detto...

vabbè ti aspetto online per farti il mazzo.
io quelli che odio sono i mazzi con la fottuta "genera apine di merda" in combo con la magia verde "1 punto vita per ogni creatura" con Ortygh eccetera
insopportabili

Posta un commento

 

Copyright © 2009 Single player nerd co-op Designed by csstemplatesmarket

Converted to Blogger by BloggerThemes.Net