Uncharted 2: che storia


Durante l'ultima puntata di Ringcast, il buon Vincenzo "vitoiuvara" Aversa ha espresso qualche perplessità sui dialoghi e la caratterizzazione dei personaggi in Uncharted 2. A suo parere ci sono troppi cliché in entrambi, troppi ammiccamenti e non abbastanza profondità.

Mentre giocavo ad
Uncharted 2, in effetti, pensavo a queste critiche. In fondo sono ragionevoli: i dialoghi a volte possono suonare forzati, e le continue battute rischiano di trasformare i personaggi in macchiette. Eppure alla fine concordo con chi ha acclamato questo gioco come esempio di action con ottima narrazione e personaggi interessanti.

Si tratta davvero, come diceva Vitoiuvara durante il podcast, di dialoghi che in un film non funzionerebbero. Ma il punto è proprio questo. Col passare degli anni si comincia a intravedere il
modo standard di narrazione nei videogiochi. Come nel cinema degli anni '30 e '40 emergeva la grammatica della narrazione cinematografica, rimasta praticamente la stessa fino ad oggi.


Sembra che la forma specifica della narrazione nei videogiochi sia un misto di teatro, cinema e animazione. Si tratta di una narrazione extra sintetica: se un dialogo in un film può svolgersi in svariati minuti, in un videogioco la cut-scene o lo scambio di battute in-game deve essere breve. Per questo motivo lo stile di scrittura e la recitazione è forzatamente antirealistico. Come nel teatro, c'è la necessità di rompere un velo, di aggiungere informazioni in eccedenza da un lato per 2compensare una mancanza di informazioni dall'altro. Come la gestualità di un attore teatrale è ampia per via dell'impossibilità degli spettatori di vedere i movimenti sottili di corpo e viso, allo stesso modo la limitazione di tempo ed espressività dei videogiochi viene compensata dalla sinteticità dei dialoghi.

O questo, oppure
Uncharted 2 ha dialoghi fastidiosi e personaggi tagliati con l'accetta.

2 commenti:

Marco ha detto...

Vabbè ma quindi la trama ti è piaciuta oppure no? Mica si capisce..

ATTENZIONE: SPOILER A RIPETIZIONE!

A me molto finchè c'è Chloe e il non troppo velato flirtaggio con Nate fino a che non arriva Elena per intenderci; poi verso la fine mi è sembrata un po' sbrigativa. Tipo Schaefer si vede per qualche fotogramma e alla morte lo rimpiangono come se fosse morto il loro maestro spirituale.
Hai mica capito perchè abbia ucciso tutti i suoi compagni delle SS, non l'ho proprio capito..
Ah poi che fine fanno Sullivan e Tenzin che a un certo punto scompaiono per poi ricomparire solo nella scena finale?

ferruccio ha detto...

GLI SPOILER CONTINUANO

A me la trama è piaciuta. Certo, si parla di una trama da avventura, non di Nabokov. Però funziona, sia per il motivo che scrivevo nel post sia perché è basata sulle relazioni fra personaggi interessanti, e quando una trama è fatta così hai sempre la voglia di sapere cosa succede dopo.

Il personaggio di Schaefer non è piaciuto per nulla neanche a me. È poco sviluppato, non è simpatico e non si capisce perché dovrebbe essere così importante. Credo che abbia ammazzato i suoi amici SS perché avevano bevuto il nettare dell'ammore e si stavano trasformando in mostroni. O forse per impedire che il vecchio Adolf diventasse ancora più potente.

Sullivan era per i cacchi suoi e Tenzin al villaggio. Durante l'epilogo tutti fanno una rimpatriata come è giusto che sia.

Posta un commento

 

Copyright © 2009 Single player nerd co-op Designed by csstemplatesmarket

Converted to Blogger by BloggerThemes.Net